Io, tu e power point

Sarà capitato a tutti di seguire una presentazione supportata da una sequenza di slides realizzate in power point, giusto?

Alzi la mano chi si ricorda i contenuti e la struttura di queste presentazioni… io manco mezza!

Però ricordo perfettamente quelle realizzate per il corso di “Comunicazione visiva” realizzate dalla professoressa Silvia Viti dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Lo stile ricorda molto quello trovato per caso in un sito nel quale viene spiegato come creare presentazioni di impatto e fuori dagli schemi. Sono rimasta stupita! Finora ero abituata a slides piene di elenchi puntati se non addirittura riempite all’inverosimile dal testo. Du palle!
Specialmente all’università. Le odiavo! Ricordo ancora la fatica nel copiare tutto perché alcuni professori non le mettevano a disposizione degli studenti. Odio profondo 😀

A parte questi ricordi poco piacevoli, ricordo che di quelle presentazioni mi è rimasto poco o niente; direi quasi nulla.

Perché?

Perché la comunicazione non è “vomitare” addosso al pubblico dei testi. La gente non segue, tanto è tutto scritto; no? Quindi a cosa serve seguire? Ho già il testo davanti a me, ed è praticamente quello che sta dicendo il relatore, quindi sforzarmi a seguire sia la presentazione che l’oratore comporta uno sforzo ulteriore. Non ne vale la pena 😉

Una presentazione efficace deve attirare l’attenzione, trasmettere emozioni e puntare a fissare i concetti usando immagini, colori e altri escamotage.

Ora che vi ho riempito di parole passiamo ai fatti… ecco il sito che vi illuminerà per le prossime presentazioni:

10 consigli per creare presentazioni ad alto impatto visivo

Che ve ne pare? Figo eh? 😀

D’ora in poi guarderete le presentazioni con elenchi puntati e colme di testi come se qualcuno avesse cosparso la pasta con i frutti di mare di parmigiano, ve lo assicuro 😀

 

 

Un pensiero su “Io, tu e power point

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *