E tu la tigna, ce l’hai?

Sì o no? Devi pure pensarci?

Se ti domandi cosa diavolo sia ti consiglio di leggere, ovviamente dopo aver letto il mio post, questo articolo 😀

Oggi ho avuto l’onore di parlare con una ragazza che di tigna ne ha da vendere a me, a te e a tutti quelli che conosciamo messi assieme!
Origini sarde e un futuro da nutrizionista.

Come me vive a Lipsia e fra un consulto alimentare e l’altro, lei, sta frequentando un corso universitario che la porterà verso il raggiungimento del suo sogno: lavorare per la salute alimentare delle persone.

A differenza mia, il corso di studi che sta frequentando è a Lispia e di conseguenza non solo si approccia a materie ostiche, ma lo fa anche in una lingua che non è quella madre. Tanto di cappello!

Ma torniamo all’incontro con lei.

Su Facebook ho il piacere di leggere qualche post sulle “sparate” dei pazienti durante i consulti (pazienti perlopiù tedeschi) per definire un piano alimentare.
Quella che mi ha più sconvolta è stata questa uscitona da premio nobel: “L’acqua non sa di niente“……..

MARIA IO ESCO!!!

MA COME SI FA A DIRE CHE L’ACQUA NON HA SAPORE E PER QUEL MOTIVO PREFERIRE BEVANDE ZUCCHERATE???

mbah… misteri!

Comunque, prima che qualcuno abbia da obiettare sul fatto che ogni tanto sbircio Facebook quando in un articolo precedente ho parlato della mia dieta mediatica, tengo a precisare che lo sto usando con moderazione! Basta sapere maneggiare il mezzo e si potrà rimanere sorpresi da quanto questo può portarci vantaggi o addirittura cambiamenti positivi.

Nel mio caso leggere il post di questa ragazza mi ha fatto finalmente scattare la molla per iniziare un percoso che mi porterà, oltre al dimagrimento (si spera, perché voglio un cu** che Jennifer Lopez mi fa ‘na pippa) e ad avere sicuramente più energie ed evitare in futuro possibili problemi di salute.

Tutta questa storiella è per arrivare a riflettere su due punti principali che, a mio giudizio, per i più sarano già chiari da un pezzo!

  1. Non tutto il male viene per nuocere: Facebook è sì il mezzo più potenze per il cazzeggio a livelli agonostici, ma forse senza averlo usato e letto quel post forse non mi sarei decisa a prendere i considerazione un percoso che mi porterà verso il raggiungimento di un obiettivo importante
  2. La determinazione degli altri è contagiosa: anche per questo motivo da un bel po’ di tempo a questa parte ho deciso di circondarmi di persone dalle quali posso imparare qualcosa o che mi possano trasmettere energia positiva. Una persona entusiasta di quello che fa contagia gli altri. E qui i neuroni specchio fanno festa! 😀

 

Insomma, ho preso un sacco di piccioni con una fava!

Ho rivisto una persona con cui è piacevole parlare, ho preso accordi per iniziare un programma alimentare serio e non fai da te e ultimo, ma non meno importante, mi sono fatta contagiare dall’entusiasmo mentre lei parlava di quello che la appassiona!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *