Un concentrato di concentrazione – Parte 1

In un mondo dove il falso mito del multitasking prende purtroppo sempre più piede, è importante tornare a focalizzarsi sulle singole azioni; una alla volta.

Il multitasking NON esiste. Esiste il riuscire a fare una serie di cose in successione in breve tempo. SEe pensate di essere multitasking perché mentre siete al telefono riuscite a girare il sugo della pasta, mi spiace dirvi che non siete superman o wonder woman 😀

La produttività non sta nel fare più cose possibili alla volta o nel più breve tempo possibile, ma farle bene essendo focalizzati al massimo senza nessuna distrazione.

Oggi è facile cadere nelle distrazioni. Siamo circondati da mille cose che attirano la nostra attenzione.

Le notifiche di Facebook, le E-Mail da controllare, scadenze varie che tornano alla mente all’improvviso.

Tutto questo toglie energie e concentrazione in quello che stiamo facendo in quel momento e ci fanno perdere tempo.

Come liberarsi di queste distrazioni? O meglio, se non si vogliono eliminare, come gestirle?

Un modo c’è, basta organizzarsi e darsi delle regole da seguire costantemente che con il tempo si trasformeranno in abitudini automatiche. Non dovrete più nemmeno sforzarvi di ricordavi cosa fare, verrà naturale perche molte di queste nuove abitudini vi miglioreranno la vita.

Per darvi una linea guida ho pensato di presentarvi un bellissimo riassunto schematico e di impatto.

La mappa mentale dal titolo “how to focus in the age of distraction” (Come concentrarsi – o meglio rimanere focalizzati – nell’era delle distrazioni)

© Learning Fundamentals www.learningfundalemtals.com.au

Carina, vero? 🙂

Io partirei dai rituali/abitudini (Ritual/habits).

Sono piccole azioni prima di andare a dormire o appena svegli che possono fare la differenza.
I consigli per il refocus – cioè per tornare focalizzati – sono una lo stretching, fare una passeggiata oppure leggere la to do list (la lista delle cose da fare).

Lo stretching o il movimento fisico in generale aiutano il fisico a riprendersi, specialmente la mattina appena svegli, e a far affluire meglio il sangue. Mens sana in corpore sano, dicevano i latini. E avevano ragione. Un fisico affaticato, appesantito e poco abituato al movimento difficilmente potrà dare grandi prestazioni anche a livello mentale.

Prima di andare a dormire sarebbe buona norma, oltre a lavarsi i denti, anche darsi una bella rinfrescata. Qui viene suggerito di lavarsi il viso, io preferisco una bella doccia per togliere la stanchezza della giornata e andare a letto pulita e profumosa!!! 😛

Ma questo è da decidere in base alle abitudini del singolo, c’è chi preferisce la doccia la sera e chi la preferisce la mattina appena sveglio o dopo colazione.

Sarebbe inoltre buona norma lasciare la cucina in condizioni ottimali la sera dopo cena. Basta poco e la mattina non vi sveglierete con la vista del caos. Un ambiente pulito e ordinato aiuta anche a non avere confusione nella mente. La storiella del disordine creativo è solo una balla che inventano le persone pigre!

La sera, compatibilmente con il grado di stanchezza, è un’ottima abitudine quella della lettura. Purtroppo io stessa cado nella stupida abitudine di mettermi a letto con il cellulare in mano e guardare stupidaggini di Facebook… nulla di più sciocco e stupido per NON rilassarsi prima di andare a letto.  Purtroppo questo tipo di attività ci danno solo l’illusione di svuotare la testa e rilassarci, non fanno altro che succhiare energie senza che noi ce ne accorgiamo.

La mattina invece una buona colazione – anche se noi italiani abbiamo la tendenza a sottovalutarla e ad ingozzarci di carboidrati e zuccheri complessi – ci danno l’energia giusta per affrontare la giornata.
Da ormai quasi due anni la mia colazione si basa su un centrifugato di frutta con cereali. Devo dire che da allora non ho più avuto influenze debilitanti e mi sento molto più in forma! Vi consiglio vivamente di rivedere questo pasto della giornata e puntare ad alimenti sani e sostaziosi.

Si consiglia poi una bella doccia. Anche se, specialmente con l’arrivo dell’estate, pare che molti abbiano dimenticato come si usa o siano idrofobi :/

Come già detto qui le abitudini del singolo variano, ma anche quando la doccia venga fatta la sera, una lavatina al viso con l’acqua FREDDA (Sì, anche d’inverno. Dopo il trauma iniziale vi sentirete meglio) aiuta a svegliarsi e trovare la carica.
Un metodo che funziona benissimo per me per svegliarsi, e far scorrere dell’acqua fresca sui polsi per qualche secondo. Riattivano la circolazione periferica la sensazione di benessere è pressoché immediata!

Meditare, leggere, scrivere… insomma anche fare qualsiasi attività  che possa farvi iniziare bene la giornata è la benvenuta. Cercate di non prendere subito in mano lo smartphone e di scrollare Facebook o altri social networks.

Anche ascoltare la vostra musica preferita metre vi preparate per uscire potrebbe essere un’alternativa.

L’importante è compiere azioni che vi facciano iniziare la giornata al meglio, perché chi ben comincia è già a metà dell’opera 😉

 

 

 

 

Un pensiero su “Un concentrato di concentrazione – Parte 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *